sabato 28 dicembre 2013

Tan Tan

Il parco giochi ha ufficialmente aperto stamattina. In una bellissima baia sull'oceano i più matti del gruppo si sono cimentati con le moto sul bagnasciuga. Emozionante anche la visita alla spiaggia di Egzira, nota per le sue zampe di elefante,  due archi naturali veramente suggestivi.
E che dire del ristorante di oggi a pranzo? E' stato dei più belli: pane, salame, formaggio e piadina in riva al mare, naturalmente con dell'ottimo caffè italiano.
Nel pomeriggio, questa volta a moto carica, un'altra bellissima pista sterrata, un bellissimo fuori programma che ci porta fino al Fort Bou Jerif, una antica fortificazione francese abbandonata in mezzo al deserto, un luogo decisamente fuori dal comune che ci consente anche di lasciarci andare ad andirivieni in derapata nei suoi dintorni, di normalità nel gruppo se ne respira ben poca: e fare i matti è quanto di meglio ci riesca!

In serata giungiamo a Tan Tan, la porta del Sahara Occidentale, quella regione a sud del Marocco di cui non parla nessuno ma di fatto occupata e caratterizzata da forti tensioni e rivendicazioni di indipendenza. Si fanno infatti frequenti i controlli di polizia, prima di entrare in città siamo stati bloccati due volte in venti chilometri, con tanto di controllo dei passaporti.

Da qua in poi il panorama, il territorio, ma anche la situazione politica saranno sicuramente degli elementi fuori dall'ordinario...




Nessun commento:

Posta un commento

The Silk Road - 3° parte - ...fino alla meta, ed oltre.

8 agosto 2018 Oggi percorro una splendida tappa, se non fosse per la preoccupazione dei problemi doganali che certamente mi troverò ad ...