sabato 3 gennaio 2015

Rub' al-Khali

Coi suoi 650000 chilometri quadrati è il secondo più grande deserto di sabbia al mondo, occupa la parte meridionale della penisola arabica, ed una piccola parte è anche in territorio omanita. E noi ci siamo stati, sulle dune alte anche più di 300 metri, sulle piste compatte e veloci, dove si mettono a dura prova le sospensioni e le braccia di chi guida la moto, perché fuori dall'asfalto c'è da aprire il gas, non per fare il figo, ma per restare in piedi e non cadere.

Reduce da quattro campi in tenda in mezzo al nulla, dove quanto ad esclusività non c'è Hilton che tenga, e dove il silenzio, il cielo stellato e la luce della luna fanno da cornice ad un mare di sensazioni uniche, siamo approdati ieri a Salalah, portando a termine ufficialmente l'Oman Moto Raid 2015.

Due moto su nove sul pick-up e la mia con qualche problemino di elettronica, ma la spedizione può considerarsi conclusa. Una bellissima esperienza, fatta di fatica, impegno ma anche sensazioni forti e una grande lezione di guida sulla sabbia, un terreno che non conoscevo e che ho scoperto sicuramente estenuante ma anche appagante e molto divertente.

Come sempre ringrazio chi ha letto il mio racconto. E' come se vi avessi portato in viaggio nel mio zainetto con me.
BUON ANNO A TUTTI!


Nessun commento:

Posta un commento

Dernier weekend

Le strade son tante, milioni di milioni... ah no, quelle erano stelle! Ma vabbè, poco importa, anche le strade sono tantissime ed il recars...